7 Criteri da Considerare Prima dell’acquisto di Oli Essenziali di Qualità

bistrot-profumo-personalizzato-storia-1.jpeg

Oli Essenziali di Qualità ,  scelta da privilegiare

Nella scelta di oli essenziali di qualità, bisogna prestare attenzione ad alcuni aspetti importanti che possono aiutarci a capire la qualità ed affidabilità del prodotto che stiamo acquistando.

Ho voluto scrivere questo articolo mosso da ciò che ho visto un giorno d’estate al mercatone dell’antiquariato, sui navigli milanesi. Era un giorno molto caldo e passeggiando notai esposti su un banco degli oli essenziali, non al riparo dalla luce del sole.

Presi un flaconcino la cui etichetta indicava che si trattava di lavanda, e quando chiesi alla venditrice di che tipo fosse, lei mi rispose che in natura esiste solo un tipo di questa pianta, facendo passare la mia domanda come assurda. Forse la signora però non sapeva che esistono più di quattro tipi di lavanda diversi in aromaterapia.

A quel punto le chiesi se i suoi oli fossero biologici e la signora mi rispose di sì, ma io non contento insistetti sul fatto che non era segnalato da nessuna parte, perché l’etichetta non presentava nemmeno il simbolo che indica che un prodotto è BIO.

 

bistrot-profumo-oli-essenziali-qualità
Foto di Marina Pershina da Pixabay

La venditrice mi disse che non era obbligatorio segnalarlo (cosa per niente vera) e a quel punto, per non fare la figura del saccente, le feci l’ultima domanda, la più importante.

Le chiesi se i suoi oli fossero integri e lei, ovviamente, mi rispose che i suoi prodotti erano tutti integri e potevano essere presi per bocca senza problemi.

Cercai di farle notare che il calore, data l’esposizione al sole in un giorno di piena estate, avrebbe potuto alterare la loro integrità, ma la signora non volle sentir ragioni e mi invitò ad allontanarmi.

Oli Essenziali di Qualità dove Comprarli?

Gli oli essenziali non sono giochi e se acquistati nei posti sbagliati, per esempio il banco di questa signora, possono far incorrere chi ne fa uso a gravi pericoli. Mosso dalla preoccupazione e dalla rabbia causate dall’episodio da me vissuto, ho deciso di scrivere questo articolo per far sì che chiunque voglia acquistare oli essenziali di qualità per qualsiasi fine, abbia in mente alcuni criteri fondamentali che possano permettergli di comprare un buon olio, senza incorrere in alcun pericolo.

Gli oli essenziali di qualità si possono reperire in diversi punti vendita come farmacie o erboristerie: Prima di scegliere o comparare un olio essenziale fate delle piccole domande al venditore in merito agli oli essenziali, in modo da rendervi conto della sua competenza in materia (del tipo: il marchio, se è biologico e naturale, dov’è stato prodotto? ).

bistrot-profumo-oli-essenziali-qualità
Foto di Th G da Pixabay

Oli Essenziali di Qualità: il mercato Italiano

Chiaramente esistono diverse marche di oli essenziali; è comunque un dato di fatto che non tutte le marche reperibili sul mercato italiano oggi, presentino oli essenziali di qualità, soprattutto per quel che concerne l’aromaterapia: spesso sono oli “tagliati” o diluiti con altre sostanze, oppure alterati chimicamente o contengono estratti sintetici.

Pensiamo per esempio ad oli essenziali provenienti dal mercato della profumeria: si tratta spesso di prodotti ottenuti in grandi quantità, a basso prezzo, e sovente alterati rispetto alla loro composizione originale, in modo da eliminare o mascherare degli odori non “graditi” per la fabbricazione di profumi. Chi utilizza questo tipo di oli essenziali si ritrova con dei prodotti che non offrono nessuna garanzia circa la loro origine ed efficacia terapeutica.

bistrot-profumo-oli-essenziali-qualità
Foto di analogicus da Pixabay

7 Criteri per   Oli Essenziali di Qualità

Un olio essenziale di qualità deve soddisfare alcuni rigorosi criteri. I consulenti più seri si appellano giustamente a 7 criteri : fondamentali per identificare un buon olio per un uso terapeutico:

1. Il nome scientifico della pianta o specie botanica in latino

Questo nome che definisce con precisione la specie ed è essenziale conoscerlo. Il flacone di olio essenziale che si acquista deve innanzitutto riportare la specie botanica esatta della pianta distillata e il suo nome latino (lingua internazionale) onde evitare l’imprecisione dei nomi popolari, spesso causa di malintesi sull’origine della pianta.

Per esempio, chiedere l’eucalipto è insufficiente: Eucalipto radiata è un ottimo decongestionante delle vie aeree superiori, Eucalyptus globulus sarà efficace sulle affezioni broncopolmonari, Eucalyptus citriodora sarà un ottimo antinfiammatorio muscolo-articolare, Eucalyptus smithii, polibractea, staigeriana o campanulata avrà ancora diverse proprietà. In alcuni casi, ci sono anche diversi nomi latini a seconda del fatto che la pianta sia stata descritta in tempi diversi, in regioni diverse e da diversi botanici

1.1 La Lavanda

Un altro esempio, il termine “lavanda” è vago perché ci sono diverse specie di lavanda.

Di conseguenza si forniscono oli essenziali di diversa composizione.

Ad esempio, la lavanda Lanvandula angustifolia si chiama Lavandula angustifolia ssp angustifolia var fragans.

Nome del genere / Specie / Sottospecie / Varietà = Lavandula /angustifolia / ssp angustifolia / var.fragans.

Non va confuso con l’aspic di lavanda (Lavandula latifolia). Oppure con stoechade alla lavanda (Lanvandula stoechas). Nemmeno con la lavandina, che è un ibrido naturale tra lavanda vera e lavanda aspica Lavandula X burnatii.  La super lavandina è un clone di lavandina il cui profilo cromatografico è simile a quello della lavanda vera.

bistrot-profumo-oli-essenziali-qualità
Foto di Free-Photos da Pixabay

Pertanto dovrà essere indicato come tale sull’etichetta della bottiglia come segue: Lavandin super, Lavandula x burnatii clone super. Non può essere sostituito da altri cloni (Abrial, Reydovan, Grosso, …) le cui proprietà sono diverse. L’associazione del nome del genere e dell’epiteto, che definisce la specie ed eventualmente la varietà, è indispensabile. Si tratta di un’informazione vitale in termini di sicurezza.

Il mancato rispetto di questa precisione può portare nel migliore dei casi all’assenza di effetti e nel peggiore ad un rischio di tossicità.  Così, l’olio essenziale di lavanda stoechade (Lavandula stoechas) contiene un composto chetonico chiamato fenchone che presenta una potenziale tossicità per il sistema nervoso. Questo olio essenziale è quindi proibito alle donne in gravidanza e ai bambini piccoli.

Altri esempi: il nome “olio essenziale di menta” è in gran parte impreciso e vago oppure quello di salvia o altro; per questo è molto importante riconoscere il nominativo corretto di un olio essenziale.

2. Organo produttore

Questa precisione è importante e deve essere sempre specificata sull’etichetta delle fiale. Un olio essenziale è diverso a seconda della parte della pianta che viene distillata: foglie, corteccia, radici o scorze.

Da quale parte della pianta viene estratto l’olio essenziale? A seconda dell’organo della pianta, i principi attivi raccolti non saranno identici.

Esempio: la cannella di Ceylon (Cinnamomum zeylanicum) produce 3 diversi oli essenziali.

Foglie: ricche di eugenolo

Corteccia: ricca di aldeide cinnamica

Radice: ricca di canfora

 bistrot-profumo-oli-essenziali-qualità
foto di Stevepd da pixabay

3. Specificità biochimica: il chemotipo

L’abbreviazione usata per designare un olio essenziale chemotipizzato è comunemente: HECT (HE per olio essenziale, CT per chemotipo). EOBBD per olio essenziale definito botanicamente e biochimicamente.  La stessa specie botanica può sviluppare nel proprio ambiente, a seconda del luogo di crescita, dell’altitudine, della natura del suolo o dell’esposizione, ecc.…, un’essenza la cui composizione può essere molto variabile.

Questo è un criterio molto importante in aromaterapia perché da “chemotipo” a un altro “chemotipo” gli oli essenziali sono diversi.  L’olio essenziale non avrà le stesse proprietà terapeutiche né gli stessi rischi associati.  Infatti, la pianta non ha gli stessi principi attivi o il loro dosaggio è diverso a seconda dell’ambiente della pianta.  L’olio essenziale varia quindi in funzione dell’altitudine, del terreno, dell’esposizione al sole, ecc…

3.1 Esempio: Timo vulgaris

Gli studi sulla caratterizzazione dei chemotipi di Thymus vulgaris sono stati effettuati presso la Facoltà di Farmacia di Montpellier, hanno dimostrato che il timo che cresce spontaneamente in tutto il Mediterraneo presenta profonde variazioni nella composizione aromatica e quindi negli odori a seconda della situazione geografica in cui si sviluppa.

Così, sulla costa del mare, e soprattutto nel dipartimento del Var, troviamo principalmente il chemotipo Thymus vulgaris CT timolo, che emana un forte odore legato alla presenza maggioritaria di un fenolo chiamato timolo.  D’altra parte, nell’entroterra di Montpellier e piuttosto in quota, troveremo un altro chemotipo con un odore molto più dolce.

bistrot-profumo-oli-essenziali-qualità
Foto di photosforyou da Pixabay

Si tratta del Thymus vulgaris CT linalolo il cui principale componente aromatico è un alcol monoterpenico chiamato linalolo che non ha il carattere aggressivo dei fenoli.  L’habitat in cui cresce ha particolari caratteristiche: un’altitudine media compresa tra i 500 e i 1000 metri, soleggiamento meno intenso, temperatura più bassa e un’umidità atmosferica più elevata rispetto alla pianura. Sono stati identificati altri chemotipi di timo volgare.

Studi approfonditi hanno dimostrato che il timo della stessa specie botanica (Thymus vulgaris) sintetizza gli stessi componenti chimici ma in proporzioni variabili a seconda delle condizioni ambientali, il che evidenzia la notevole attitudine della pianta.

4. Identificazione dell’origine biologica

Nome del paese, regione, ecc.…Ciò consente la tracciabilità del prodotto e la determinazione della sua composizione chimica.  Per rispettare le peculiarità di ciascuna origine e garantire la tracciabilità degli oli essenziali provenienti da piante identiche, è consigliabile non mescolare oli essenziali provenienti da piante identiche ma da origini geografiche diverse.  Quando la posizione geografica determina la composizione chimica, si parla di “cultivar”.

 bistrot-profumo
Foto di Chuckwalla da Pixabay

5. Criteri di raccolta e distillazione

Distillazione a vapore, meccanica, idrodistillazione: Le tecniche utilizzate per la raccolta delle piante, così come le condizioni di conservazione, influenzano la qualità dell’olio essenziale finale. L'”Arte della Distillazione” deve essere rispettata: nessun surriscaldamento, distillazione lenta a pressione ridotta, in modo da ottenere tutte le componenti aromatiche volatili.

6. Naturalezza e purezza

L’olio essenziale di qualità deve essere 100% naturale (non contiene prodotti sintetici) e puro al 100% (non viene tagliato o miscelato, anche se la miscela è naturale).

Il termine “olio essenziale” può essere applicato solo ad un olio che non è stato né adulterato con l’aggiunta di un prodotto aromatico sintetico, né estratto da solventi organici.  Anche la composizione naturale può portare a fenomeni di intolleranza e di tossicità incompatibili con una buona pratica di aromaterapia.  La qualità dell’olio essenziale, determinata dai 6 criteri  indicati, permette il suo corretto utilizzo in un trattamento di aromaterapia.  È quindi necessario essere molto vigili: tutte queste informazioni devono apparire sull’etichetta dell’olio essenziale.

bistrot-profumo-
Foto di Hans Braxmeier da Pixabay

7.Prezzo di oli essenziali di qualità

Gli oli essenziali di qualità sono sostanze mediamente costose, alcuni incredibilmente cari, come l’olio essenziale di rosa, puro, può arrivare a costare decina di migliaia di euro.  Questo per il semplice fatto per ottenere 1 kg di olio essenziale pura della rosa servono dai 1000 ai 50 kg di parte di fiori distillata. Il lavandino ad esempio (Lavandula hybrida) ha una resa maggiore della lavanda (Lavanda angustifolia), il rosmarino (Rosmarinus officinalis) ha una resa inferiore dell’origano (Origanum vulgare). E ‘consigliabile non utilizzare oli essenziali economici perché se da un lato rechiamo meno danno al nostro portafoglio, dall’altro rischiamo di procurare un danno alla nostra salute.

Spero che questi preziosi consigli vi possano aiutare a riconoscere ed acquistare gli oli essenziali della migliore qualità e a utilizzarli in maniera ottimale per il vostro benessere. Se avete dubbi o perplessità potete esprimerli contattandomi tramite l’indirizzo mail: info@ilbistrotdelprofumo.com.

bistrot-profumo-personalizzato-storia-1.jpeg
Foto di Mabel Amber da Pixabay

ARTICOLI CHE VI POSSONO INTERESSARE

Virus influenzali, gli straordinari poteri degli oli essenziali

Come fare la diffusione di oli essenziali nell’ambiente   ( 

Perché Curarsi con gli Oli Essenziali?

Vedi il video della diffusione degli oli essenziali

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.