Come e quali oli essenziali diffondere durante un’epidemia.

Diffusore Ultrasonico Kaori

OLI ESSENZIALI E EPIDEMIA

Gli oli essenziali da diffondere durante un’epidemia purificano anche l’aria facendo circolare energie benefiche per il nostro organismo.
Tra influenza, gastroenterite e virus come il coronavirus o l’H1N1, la diffusione di oli essenziali antivirali è una proposta interessante. Tuttavia, si presterà attenzione alla composizione degli oli essenziali, alle loro proprietà antivirali e al modo in cui vengono diffusi.
Il metodo più comune e pratico per la diffusione degli oli essenziali durante un’epidemia è quella “a freddo” con l’utilizzo di un diffusore elettrico o un nebulizzatore.

bistrot-profumo-oli-diffondere-durante-epidemia
Foto di Devanath da Pixabay

Vedi il mio video che spiega il funzionamento di un diffusore 
Durante un’epidemia virale invernale per esempio l’influenza dobbiamo fare attenzione anche ad un altro pericolo per la nostra salute, cioè l’aria delle nostre case. Dobbiamo pensare alla prevenzione dell’epidemia anche fra le quattro mura domestiche.
L’uso di oli essenziali da diffondere durante un’epidemia è molto antico. Da tempo immemorabile, l’uomo bruciava le piante aromatiche  contenenti  gli oli essenziali per sanificare ambienti infetti.
Non ho intenzione di spiegare nuovamente le norme igieniche di base, ma ogni giorno ricevo una serie di e-mail dove mi viene chiesto quali oli essenziali si potrebbero diffondere in casa per prevenire l’influenza.

 Purificare l’aria degli ambienti dove viviamo

Per purificare l’aria interna bisognare dimenticare gli spray e le candele non naturali, che spesso contengono molecole volatili particolarmente dannose. Vi consiglio di optare per le sinergie degli  oli essenziali da diffondere durante un’epidemia. Perché  è un’alternativa molto più sana ed efficace.

bistrot-profumo-oli-diffondere-durante-epidemia
Foto di Ray Shrewsberry da Pixabay

Si parla spesso delle proprietà antivirali degli oli essenziali, a mio avviso è una delle proprietà più notevoli degli oli essenziali. Leggi il mio articolo sugli oli essenziali e i virus influenzali 
Per più di 40 anni, diversi studi e analisi hanno dimostrato che gli oli essenziali contengono le proprietà che possano distruggere la maggior parte dei batteri, muffe, germi e altri microbi presenti nell’aria e nell’ambiente.
Gli oli essenziali antivirali agiscono sia distruggendo il virus, evitando la sua replicazione, sia impedendo il contatto con le cellule ospiti.

INQUINAMENTO INDOOR

Non mi sto riferendo all’inquinamento atmosferico, ma all’aria delle nostre case, degli uffici, studi, dei luoghi commerciali o pubblici che frequentiamo,Oltre a quello esterno, dobbiamo anche fare i conti con l’inquinamento domestico, anche detto inquinamento indoor
Alcuni agenti inquinanti si accumulano nelle nostre case e spesso rimangono invisibili. Quindi l’inquinamento non è più solo un problema dell’ambiente esterno.
Ma bisogna prendere coscienza dell’importanza dell’”aria che tira in casa nostra”: a volte è quella che ci fa ammalare.
Dovremmo imparare a purificare l’aria che respiriamo nelle nostre case per renderla più sana usando gli oli essenziali. A mio avviso rimangono, lo strumento più efficace e gradevole per proteggersi da raffreddori, influenza o altro.

bistrot-profumo-oli-diffondere-durante-epidemia
Foto di Muntzir Mehdi da Pixabay

Come diffondere gli oli essenziali?

L’utilizzo di un diffusore di oli essenziali è il modo più veloce ed efficace per godere dei benefici degli oli essenziali che porterà un innegabile benessere naturale su base quotidiana.
Cosi permettendo di purificare l’aria, eliminando virus e batteri con la facoltà di potenziare il nostro sistema di difesa immunitario, diffondendo un piacevole profumo in casa o in ufficio.
Il principio di base, per rispettare le molecole aromatiche, è quello di non riscaldare mai un olio essenziale. Si raccomanda di evitare diffusori che riscaldano gli oli essenziali.

bistrot-profumo-oli-diffondere-durante-epidemia
bistrot-profumo-oli-diffondere-durante-epidemia

Oli essenziali  come agiscono in diffusione?

Già sappiamo che ogni olio essenziale è composto da una moltitudine di molecole aromatiche diverse e che, se utilizzati in sinergia, si potenziano a vicenda a seconda della rispettiva percentuale di molecole nella miscela.
Gli oli essenziali si rafforzano a vicenda quando sono combinati, creando sinergie e massimizzando l’effetto desiderato. Se si crea la propria miscela, 3 o 4 oli sono di solito sufficienti.

Un esempio concreto.

Se si prende una miscela che contiene l’olio essenziale di abete nero ed eucalipto radiata, ecco cosa succede: avremmo l’ambiente influenzato dalle proprietà antisettiche dell’olio di abete nero (tonificanti ed energizzante) e allo stesso tempo, l’olio di eucalipto fungerà da disinfettante dell’aria e beneficeremo delle proprietà antivirali ed espettoranti di questo altro olio.
Potete divertirvi a fare i vostri mix. Assicuratevi di utilizzare almeno un olio essenziale  un’epidemia  con 2 proprietà diverse. Una formula ottimale conterrebbe almeno un olio per ogni categoria. Inoltre, ricordate che non è necessario utilizzare più di 3 o 4 oli. Se non si hanno conoscenze dell’aromaterapia si possono mettere 3 gocce di ognuno in 100 ml d’acqua del diffusore.

5 sinergie oli essenziali proposte per la diffusione durante l’epidemia

Per rispondere alle vostre sollecitazione, vi suggerisco 5 sinergie di oli essenziali  da diffondere durante un’epidemia che potete  e diffondere a casa. Ho scelto degli oli che hanno proprietà antibatteriche e/o antivirali che possono essere sfruttate in diversi modi. Diffonderli nell’ambiente è forse l’opzione migliore soprattutto nei periodi in cui girano influenze e infezioni varie per purificare l’ambiente

 

bistrot-profumo-oli-diffondere-durante-epidemia
bistrot-profumo-diffusione- oli essenziali
Modalità di preparazione della sinergia da diffondere

Utilizzate un piccolo contenitore di plastica duro o un piccolo contenitore graduato ed un flacone ambrato da 10 ml. Disinfettate il contenitore di plastica con alcool.
Versate gli ingredienti uno ad uno nel contenitore (facendo molto attenzione ai dosaggi indicati), mescolate delicatamente, poi versate il contenuto nella bottiglia di ambra.
Chiudete, la vostra sinergia è pronta.  Potete rifarla una volta finita. Mettete al riparo della luce ma soprattutto dei bambini.

Modalità d’uso:

Ogni volta che avete voglia di diffondere, prelevare da 12 a 15 gocce (in funzione alla grandezza della stanza dove diffondere) della sinergia che avete fatto e metterle in 100 ml d’acqua del vostro diffusore (se la capacità del contenitore del vostro diffusore è di 50 ml, usatene la metà).
Accendere l’apparecchio e diffondere per 30 minuti in continuo o per 2 a 3 volte al giorno a seconda del rischio di infezione e dello stato di salute dei presenti.

Sinergia diffusione oli essenziali antivirale

20 gocce di Ravintsara O.E
18 gocce di Allora nobile O.E
22 gocce di Pino silvestre O.E
40 gocce di Ess. Limone   O.E

Sinergia diffusione oli essenziali sanificanti

50 gocce di Ess. Limone O.E
40 gocce di bergamotto EO
20 gocce di Rosmarino al cineolo O.E
5 gocce di Menta Piperita O.E

Sinergia diffusione oli essenziali antimicotica (consigliata per bagno, lavanderia o cantina)

40 gocce di Tea Tree O.E
50 gocce di Eucalipto irradiato O.E
50 gocce di Palmarosa O.E

Sinergia diffusione oli essenziali igienizzante

50 gocce di Ess limone O.E
25 gocce di bergamotto EO
26 gocce di Pompelmo O.E
24 gocce di Arancione O.E

Sinergia diffusione oli essenziali antibatterica

30 gocce di abete nero O.E
10 gocce di menta piperita O.E
50 gocce di arancia dolce O.E
20 gocce di tee trae O.E

Precauzioni per la diffusione degli oli essenziali

Vi consiglio di aprire le finestre della stanza per qualche minuto prima di diffondere per far circolare l’aria che probabilmente è rimasta chiusa per qualche tempo. Quindi, richiudere le finestre e far funzionare il diffusore con la miscela di vostra scelta per circa 30 minuti; non è necessario diffondere più a lungo.

Attenzione agli oli irritanti

Importante ricordare che alcuni oli essenziali non devono essere utilizzati da soli in un diffusore, a causa delle molecole molto potenti che contengono (- fenoli, chetoni, ecc.,). Perché possono essere irritanti per le mucose del naso o avere effetti indesiderati (ad es. cannella, origano, santoreggia, timo, chiodi di garofano e pochi altri). Inoltre, come già detto, non è necessario far funzionare il diffusore in modo continuo.
Per precauzione, in caso di gravidanza, allattamento o epilessia, è meglio lasciare la stanza quando il diffusore è in funzione, ma entrare successivamente.

Diffusore microparticelle blu
Diffusore microparticelle

Non mettere mai oli essenziali negli occhi o nel canale uditivo.
Non ingerire oli essenziali se non su consiglio di un professionista. I consigli forniti in questa colonna sono per adulti e bambini di età superiore ai 6 anni, salvo diversa indicazione.
È importante utilizzare solo oli essenziali puri, preferibilmente coltivati con metodo biologico.

In ogni caso, le informazioni ed i consigli offerti su questo sito non sostituiscono una consultazione o una diagnosi formulata da un medico. Se volete saperne di più sull’argomento lasciatemi un commento.

RIFERIMENTI:

  • Michel Faucon : Traité d’aromathérapie scientifique et medicale (Ed. Sang de la terre 2015)
  • Pierre Franchomme, Roger Jollis, Daniel Pénoel: L’aromathérapie exactement ( Ed. Roger Jollois 2001)
  • Dominique Baudoux: Cours d’Aromathérapie scientifique et medicale ( collège int. D’aromatherapie)
  • Patrice de Bonneval et Franck Dubus : Manuel pratique d’Aromatherapie au quotidien (Ed. Lee sureau 2007)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.